Vario

/Vario

Previdenza 2020: correzione prima dello schianto!

Lo stato del sistema pensionistico svizzero è paragonabile a un aeroplano con una traiettoria che in pochi anni ci porterà allo schianto. Concretamente, la rotta è quella di una voragine finanziaria miliardaria entro il 2030, a carico delle prossime generazioni. Per evitare lo schianto, occorre cambiare rotta con urgenza!
L’AVS si trova già da tre anni nella cifre rosse (circa mezzo miliardo lo scorso anno) e le casse pensioni non possono più garantire a lungo termine le rendite ai loro assicurati. I perché sono noti a tutti: la speranza di vita aumenta, la proporzione di persone in pensione rispetto a chi lavora cresce rapidamente e il livello dei tassi d’interesse è vicino allo 0%. I sistemi pensionistici sono d’altronde sotto pressione in tutto il mondo. Infatti, nella maggior parte dei paesi europei si sta procedendo ad innalzare l’età di pensionamento (p.es. la Germania con un’età di pensionamento di 67 dal 2030, la Danimarca con un’età di pensionamento di 67 dal 2022, l’Olanda e l’Italia con un’età di pensionamento di 67 dal 2021). In Svizzera fortunatamente per il momento, con la riforma PV2020, si è optato per un’altra via. […]

Di |agosto 2017|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Per l’ “Aeroporto Ticino” prima che sia troppo tardi!

L’aeroporto di Lugano-Agno rappresenta un’infrastruttura di trasporto strategica per il Ticino; andrebbe chiamato “Aeroporto Ticino”. La polemica, complici varie vicende non correlate tra loro, è esasperata. Purtroppo il dibattito si fonda troppo spesso su argomenti errati, pregiudizi, ideologia e interessi personali. Vogliamo o no uno scalo con voli di linea nel nostro Cantone? La risposta negativa è legittima, ma non si possono negare le conseguenze della chiusura. La mia risposta è positiva, ma per difetto di competenze non mi compete di giudicare i dettagli del progetto. La non risposta o le azioni volte solo a perdere tempo sono nocive e sanno di sabotaggio pianificato. […]

Di |agosto 2017|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Allocuzione 1° agosto ad Airolo

Buon 1° agosto, festa Nazionale svizzera!

Ai presenti, qui riuniti in questa piazza dedicata a Giuseppe Motta, personalità airolese che ha fatto la storia della Svizzera, non ho bisogno di ricordare il valore e il significato di questo giorno. Al contrario, purtroppo, un crescente numero di concittadine e concittadini ha vissuto l’odierna giornata come semplice giorno di vacanza, sicuramente piacevole per fare costine o bagnarsi nel lago. Siamo in un’era e in una società che tende a relativizzare. Tutto quanto è simbolico ed istituzionale viene relativizzato, da taluni pure banalizzato. Ammetto che mi irrita e mi preoccupa, momenti simbolici e identitari danno energia e rafforzano la coesione di un Paese.

La Festa nazionale rappresenta per un Paese un momento per riflettere, per unirsi vivendo momenti di comunità, per cercare di capire dove siamo e dove andiamo. In un’epoca nella quale globalmente gli Stati nazionali si trovano in difficoltà identitaria, finanziaria e democratica, dove risulta evidente il conflitto tra sovranità nazionale e necessità di coordinamento internazionale, la Svizzera è un modello tanto unico quanto eccezionale. Abbiamo la fortuna, direi quasi l’onore e il privilegio, di viverci e di crescere le nostre famiglie, tanti di noi ci sono nati: cerchiamo di vivere la festa nazionale con rispetto e attenzione; non è, e non deve diventare, la festa del bratwurst! Uno Stato – democratico, funzionante ed efficiente come la Svizzera – non è un concetto astratto a cui chiedere solo prestazioni e a cui rivolgersi per lamentarsi quando qualcosa non va secondo le proprie aspettative. […]

Di |agosto 2017|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Casellario giudiziale: tra strumentalizzazione e pragmatismo.

Richiesta sistematica del casellario giudiziale sì o no? Quando e perché? La questione scalda gli animi da mesi e, benché non sia nulla di trascendentale, ha risvolti politico-diplomatici locali, nazionali e internazionali. Una misura per nulla vessatoria e non macchinosa, che tuttavia viene strumentalizzata abilmente da parte di chi si trova su posizioni estreme o dogmatiche. Da un lato la burocrazia europea e, purtroppo, anche nazionale che approcciano la questione in termini esclusivamente teorici e di principio. Dall’altro chi vuole massimizzare i risvolti politici per aizzare la popolazione contro gli uni o gli altri. L’importante è urlare che tutto va male, che nessuno ci ascolta e che niente funziona o che tutto è compromesso dalla richiesta di un documento amministrativo. Ahimè, abili loro, si fanno voti, ma nella realtà quotidiana cambia qualcosa? […]

Di |luglio 2017|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Un gatto, un treno e Marco Romano

Intervista cura di Murakamimao, pubblicata su www.faigirarelacultura.ch

Signori, Signore e gatti,
come voi sapete son micio di mondo e viaggiare è una delle mie attività preferite, subito dopo mangiare e dormire. E per tenermi in allenamento, una volta al mese, mi schiaccio un pisolino sul treno. Attraversare le Alpi a bordo delle linee FFS mi fa sentire un vero gatto con la valigia. Un paio di settimane fa, mentre sonnecchiavo sereno a bordo del Eurocity 12 direzione Zurigo, chi trovo in carrozza proprio di fronte a me? Il Consigliere Nazionale Marco Romano! Non potevo certo farmi sfuggire l’occasione di fare una bella chiacchierata con lui. Così, con il mio usuale savoir faire, ho miagolato per farmi notare. E mi ha notato.
«Cosa ci fa un gatto in treno tutto solo?» Domanda un po’ stupito.  «Quello che ci fa lei!» Rispondo sornione, fingendo indifferenza. Sta leggendo il giornale, ma lo vedo che mi spia di sottecchi. Allora approfitto. […]

Di |aprile 2017|Articoli, MENDRISIO, News, Vario|0 Commenti

Rispetto, generosità e determinazione: newsletter dicembre 2016

 “Le cose migliori si ottengono solo con il massimo della passione”.
(Goethe)

Gentili Signore ed egregi Signori, care Amiche e cari Amici,
rispetto, generosità e determinazione: i migliori auguri per le imminenti Festività e per il Nuovo Anno!

Sotto la cupola di Palazzo federale il 2016 è stato un anno vibrante, caratterizzato da dossier fondamentali per il futuro della Svizzera. Come sapete da aprile ho inoltre l’onore e il piacere di dedicarmi quale municipale alla mia città di Mendrisio. Un’esperienza di esecutivo arricchente, entusiasmante e complementare all’impegno federale.

Proprio in questi giorni persone e merci hanno iniziato a transitare attraverso la nuova galleria di base del San Gottardo, avvicinando ulteriormente il Ticino al resto della Svizzera. Una sfida tecnologica e ingegneristica che il nostro Paese ha saputo vincere. Un’opera fondamentale che potrà dirsi conclusa solo con il completamento a sud che va accelerato. […]

Di |dicembre 2016|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Applicazione 9 febbraio: tra responsabilità ed esercizi a vuoto

Venerdì scorso Consiglio nazionale e degli Stati hanno espresso il voto finale sulla Legge di applicazione dell’iniziativa popolare “contro l’immigrazione di massa” approvata dal Popolo il 9 febbraio 2014. Finalmente, a pochi minuti dalla mezzanotte. Il termine a disposizione, citato espressamente nell’iniziativa, era di tre anni. Il Consiglio federale, inconsistente e incoerente sul tema, ha speso due anni senza giungere a rinegoziazioni con l’UE e a proposte sostenibili. L’Assemblea federale ha dovuto realizzare l’esercizio obbligatorio in pochissimi mesi. […]

Di |dicembre 2016|Articoli, News, Vario|0 Commenti

9 febbraio, libera circolazione, lavoro nero e dumping salariale: le infinite incoerenze dell’UDC!

Il PPD Ticinese – e il suoi tre rappresentanti alle Camere federali Filippo Lombardi, Fabio Regazzi e Marco Romano – prendono atto con stupore dei contenuti e del tono dell’odierna presa di posizione dell’UDC Ticino.
Il Gruppo PPD alle Camere federali non sosterrà venerdì mattina in votazione finale il modello di applicazione del “9 febbraio” elaborato da PLR e PS. Il PPD ha presentato un concetto che avrebbe permesso alla Svizzera di adottare misure per gestire l’immigrazione in maniera autonoma, là dove questa genera distorsioni nel mercato del lavoro. Il Parlamento non ha incomprensibilmente voluto optare per questa possibilità, nemmeno l’UDC stessa che, a voce, ha riconosciuto la bontà del progetto PPD senza poi passare all’atto poiché non interessata ad una soluzione. Il Gruppo dunque, contrario sia alla posizione UDC sia alla proposta liberal-socialista, ha deciso con convinzione per l’astensione. Questo è un atto politico forte! […]

Di |dicembre 2016|Articoli, Vario|0 Commenti

«Der Bundesrat war sehr schwach» – Intervista Basler Zeitung – 14.12.2016

BaZ: Am Montag wurde die Umsetzung der Masseneinwanderungs-Initiative im Nationalrat bereinigt. Was wird sie in Bezug auf die Zuwanderung bewirken?
Marco Romano: Nichts. Das, was beschlossen wurde, ist wirkungslos.

Wieso?
Wir werden das spätestens in fünf Jahren sehen. Zuerst gibt es jetzt eine riesige bürokratische Übung, nur schon bis sich Bund, Kantone und Sozialpartner mit den unterschied­lichsten Interessen auf die nötigen Verordnungen geeinigt haben. Der Bundesrat hat entschieden, dass das Parlament nur noch konsultiert wird und nichts dazu zu sagen hat. Das Parlament selber hat vorgestern dar­auf verzichtet, bei dieser wichtigen Frage mitzureden. Das finde ich einen grossen Fehler. Es ist absehbar, dass die Verordnungen dann so ausgestal­tet werden, dass gar nie wirksame Massnahmen eingeführt werden.

Entspricht das dem Willen des Parlaments?
Die Mehrheit von FDP und SP haben kein Interesse daran, dass dieses Gesetz irgendwann wirklich ange­wendet wird. Und sie haben ihr Ziel erreicht. Vielleicht irre ich mich, dann spendiere ich Ihnen ein gutes Nachtessen. […]

Di |dicembre 2016|Vario|0 Commenti

Iniziativa popolare «Sì alla protezione della sfera privata»

Il lancio dell’iniziativa popolare «Sì alla protezione della sfera privata» coincideva con gli anni turbolenti di reimpostazione totale – direi quasi rivoluzione – della piazza finanziaria elvetica. Eravamo nella fase avanzata di un percorso ad oggi incontrovertibile, contraddistinto dalla Weissgeldstrategie, dalla “doppia morale” da parte di numerosi Stati europei, dai ricatti da parte degli Stati Uniti, dalla fine del segreto bancario per i capitali stranieri depositati in Svizzera. Un gran numero di Stati europei e occidentali necessitava di risorse fiscali per finanziare un welfare divenuto insostenibile. Incapaci di migliorare la performance dei propri sistemi fiscali hanno cercato e trovato in Svizzera nuove risorse imponibili.
Quel periodo, non ancora terminato se pensiamo all’implementazione dello scambio automatico, resterà nella storia come un’era di cambiamenti radicali. Personalmente, non risparmiando qualche critica a chi avrebbe potuto esigere maggiore rispetto per i principi democratici e i fondamenti istituzionali del nostro Paese, ritengo che oggi non serva a nulla recriminare sul passato. Gli attori principali del sistema, penso alle banche medesime, sono stati primattori della riforma. La piazza finanziaria elvetica ha numerose carte da giocare e la Svizzera nel complesso rappresenta ancora una realtà istituzionale e socioeconomica di prim’ordine a livello globale. […]

Di |dicembre 2016|Interventi, News, Vario|0 Commenti