BENVENUTI SUL MIO SITO UFFICIALE

Nell’ottobre 2011 sono stato eletto in Consiglio nazionale grazie al sostegno delle cittadine e dei cittadini ticinesi che hanno creduto in me. Il risultato ottenuto mi onora e mi rende orgoglioso. Sono un ragazzo fortunato che ha potuto fare della politica un componente importante della sua vita. Amo la Svizzera, il Ticino e la sua gente. Voglio ricambiare questa fiducia con massima determinazione e impegno per costruire la Svizzera di domani.

Buona navigazione e buona lettura!
Marco Romano


Ultimi articoli

Le iniziative popolari non sono solo un titolo!

Le iniziative popolari non sono un titolo, magari breve e accattivante, ma articoli costituzionali che vanno poi concretizzati e applicati in una legge. Sono proposte legislative, non slogan o segnali. L’iniziativa popolare “a favore del servizio pubblico” – dal titolo promettente ma dal contenuto dannoso – è in questo senso emblematica. Come e perché essere contrari al servizio pubblico?
I sondaggi delle scorse settimane lo dimostrano, alla sola lettura del titolo, cittadine e cittadini propendono verso un chiaro sostegno a questa iniziativa. Un tale risultato sarebbe tuttavia estremamente nocivo per il servizio pubblico nei settori chiave del Paese. Particolarmente e principalmente toccate sarebbero FFS, La Posta e Swisscom.
In Parlamento quest’iniziativa è stata respinta all’unanimità; da tutti i deputati, di tutti i Partiti, da destra a sinistra passando per il centro. Risultati del genere non sono usuali. Nel nostro Paese federalista e pluralista il servizio pubblico è un elemento fondante per gli equilibri e la solidarietà nazionali. […]

La vita umana non va mercificata

La modifica della Legge sulla procreazione assistita al voto il prossimo 5 di giugno sta ricevendo poca attenzione mediatica, ma rappresenta un tema controverso. Ci troviamo su di un piano inclinato: una volta messoci piede, si scivola inesorabilmente verso quanto oggi ancora si nega. La Diagnosi preimpianto (DPI) voluta e promossa dal Consiglio federale era prevista solo per al massimo poche centinaia di coppie portatrici di malattie genetiche gravi: un approccio molto restrittivo e fondamentalmente orientato a ridurre difficoltà e dolore. Il Parlamento ha subito fatto un grande (e inaccettabile!) passo oltre, definito dal medesimo consigliere federale A. Berset non privo di tendenze eugenetiche. Con questa legge possono ricorrere alla DPI tutte le coppie che ricorrono alla procreazione assistita; di fatto circa 6’000 ogni anno. […]

Efficace e pragmatica la riforma della Legge sull’asilo.

La questione migranti è senza dubbio una delle sfide attuali più difficili per il continente europeo. Mentre numerosi Stati attorno a noi hanno totalmente perso il controllo della situazione, la Svizzera sta gestendo il fenomeno con pragmatismo ed efficacia. Una soluzione nell’immediato è utopica, motivo per cui l’approccio fondamentale è una gestione pragmatica, nel solco della nostra tradizione umanitaria. Proprio chi la scorsa estate criticava urbi et orbi il disastro italiano e greco, penso alla Germania e all’Austria, oggi si trova nella medesima situazione. Migliaia di migranti non registrati, controlli sanitari non capillari, procedure carenti; senza dimenticare la totale insufficienza logistica, così come le difficoltà nel gestire la quotidianità dei migranti (accoglienza, formazione, integrazione, ecc.). Questi Paesi guardano oggi alla Svizzera con una notevole invidia. In ritardo cercano di sviluppare una legislazione in materia e mettere in piedi le procedure necessarie per controllare i migranti. […]