BENVENUTI SUL MIO SITO UFFICIALE

Nell’ottobre 2011 sono stato eletto in Consiglio nazionale grazie al sostegno delle cittadine e dei cittadini ticinesi che hanno creduto in me. Il risultato ottenuto mi onora e mi rende orgoglioso. Sono un ragazzo fortunato che ha potuto fare della politica un componente importante della sua vita. Amo la Svizzera, il Ticino e la sua gente. Voglio ricambiare questa fiducia con massima determinazione e impegno per costruire la Svizzera di domani.

Buona navigazione e buona lettura!
Marco Romano


Ultimi articoli

Un approvvigionamento sicuro, pulito e svizzero!

Docce gelide, case senza riscaldamento e pannelli solari che tappezzano come pugni negli occhi tutti gli stabili!? Slogan e immagini forti, caricature e stereotipi utilizzati dai contrari alla Strategia energetica 2050 in votazione il prossimo 21 maggio. Si tratta evidentemente di esagerazioni e forzature che nulla hanno a che vedere con il progetto uscito dalle Camere federali. Siamo in Svizzera, Paese in cui il pragmatismo e la proporzionalità rappresentano tasselli fondamentali dell’agire pubblico. Purtroppo chi non ha argomenti, non può che uscire da questi consolidati e vincente binari per proporre scenari catastrofici. Si tratta di una propaganda ingannevole e irrispettosa degli equilibri costruiti per realizzare questo progetto. La Strategia energetica 2050 favorisce lo sviluppo e l’innovazione nel settore energetico svizzero. Un sì a questa riforma porta nuovi stimoli alla nostra economia e garantirà, con costi moderati, un approvvigionamento sicuro, pulito e locale. Attualmente in media dalla Svizzera vengono spesi oltre 10 miliardi di franchi nel mondo arabo e all’est per acquistare energia (petrolio, gas, uranio): il progetto in votazione permette di invertire chiaramente la tendenza. L’energia – in Ticino in primis – l’abbiamo “in casa”. […]

Un gatto, un treno e Marco Romano

Intervista cura di Murakamimao, pubblicata su www.faigirarelacultura.ch

Signori, Signore e gatti,
come voi sapete son micio di mondo e viaggiare è una delle mie attività preferite, subito dopo mangiare e dormire. E per tenermi in allenamento, una volta al mese, mi schiaccio un pisolino sul treno. Attraversare le Alpi a bordo delle linee FFS mi fa sentire un vero gatto con la valigia. Un paio di settimane fa, mentre sonnecchiavo sereno a bordo del Eurocity 12 direzione Zurigo, chi trovo in carrozza proprio di fronte a me? Il Consigliere Nazionale Marco Romano! Non potevo certo farmi sfuggire l’occasione di fare una bella chiacchierata con lui. Così, con il mio usuale savoir faire, ho miagolato per farmi notare. E mi ha notato.
«Cosa ci fa un gatto in treno tutto solo?» Domanda un po’ stupito.  «Quello che ci fa lei!» Rispondo sornione, fingendo indifferenza. Sta leggendo il giornale, ma lo vedo che mi spia di sottecchi. Allora approfitto. […]

Situazione viaria: bisogna cambiare registro

Saranno le vacanze scolastiche pasquali o l’attenzione specifica verso gli ingorghi dei primi vacanzieri al San Gottardo, ma questa settimana la situazione sull’asse stradale tra Mendrisio e Lugano, la mattina verso nord e la sera verso sud durante le ore di punta, era decisamente migliore rispetto al solito. Medesima situazione, non vissuta di persona ma percepita via radio, mi risulta essere stata nel Malcantone, da e verso il Luganese. Il Mendrisiotto e il Malcantone, due regioni dinamiche e attrattive sottocenerine, confrontate con seri problemi di mobilità, per onestà verbale “di immobilità”, negli orari di trasferimento mattutini e serali.
Non dimentico il Locarnese con carenze infrastrutturali dovute a decenni persi invano nella pianificazione viaria. […]