Stimate Concittadine e stimati Concittadini,

Nell’ottobre 2011 sono stato eletto in Consiglio nazionale grazie al sostegno delle cittadine e dei cittadini ticinesi che hanno creduto in me.

Il risultato ottenuto mi onora e mi rende orgoglioso.

Sono un ragazzo fortunato che ha potuto fare della politica un componente importante della sua vita.

Amo la Svizzera, il Ticino e la sua gente. Voglio ricambiare questa fiducia con massima determinazione e impegno per costruire la Svizzera di domani.

Ultimi articoli

Non penalizzare il matrimonio

Il Consiglio nazionale ha approvato giovedì scorso, con 102 voti a 74 e 1 astenuto, un’iniziativa cantonale del Canton Argovia che chiede di eliminare senza indugio la discriminazione delle coppie sposate e delle coppie in unione domestica registrata rispetto ai concubini, sia sotto il profilo fiscale sia sotto il profilo delle assicurazioni sociali. “Di nuovo”, dirà chi segue attentamente la politica nazionale. Il Parlamento chiede infatti ancora una volta al Governo di sanare una distorsione fiscale già “denunciata” dal Tribunale federale nel 1984. Per anni le Camere federali hanno fatto melina tanto da costringere il PPD a promuovere un’iniziativa popolare.
È inaccettabile e inammissibile che una coppia dopo il matrimonio o l’unione domestica registrata paghi più imposte rispetto al momento in cui era concubina. Il matrimonio è fiscalmente penalizzato. Negli anni è stato apportato qualche correttivo nei Cantoni, ma la problematica è tutt’altro che risolta.
Nel 2016 il Popolo ha con uno scarto ridottissimo respinto l’iniziativa popolare PPD volta a sanare la penalizzazione. La maggioranza dei Cantoni approvò il testo, ma il Popolo la respinse dopo una campagna in cui vi fu un’abile esasperazione del testo in votazione. […]

Il plurilinguismo è un valore aggiunto

Intervista pubblicata su Il Caffè, 14.04.2019

Gli italofoni sono nettamente sottorappresentati nei posti chiave dell’amministrazione. Qual è la sua reazione?
“Sono deluso e arrabbiato. L’amministrazione federale è il cuore del nostro Stato. Lavora per il Paese. Serve tutte le sue componenti e deve relazionarsi con esse rispettando la varietà linguistica. Il radicarsi di un blocco monolitico svizzero-tedesco è preoccupante. Non basta prenderne atto e lamentarsi. La Svizzera italiana deve reagire: Berna non è lontana e la Confederazione è un ottimo datore di lavoro. I vertici della Confederazione devono prendere misure più incisive per favorire l’equa presenza delle comunità linguistiche”.

La coesione nazionale di cui la Svizzera va tanto fiera il 1° agosto è solo un mito?
“Il plurilinguismo è una risorsa eccezionale. Non un concetto astratto da sventolare nei discorsi ma un plusvalore da vivere attivamente. È un reale collante tra le singole componenti del Paese. È il ponte tra differenti culture, regioni e dinamiche. La conoscenza delle lingue nazionali deve rimanere fra le nostre priorità e va promossa in tutti i contesti. Solo così manterremo la nostra specificità in un mondo che tende a relativizzare le identità. In questo ambito sia il mondo della scuola sia l’amministrazione pubblica giocano un ruolo chiave”. […]

Newsletter – marzo 2019

Gentili Signore ed egregi Signori,
care Amiche e cari Amici,

la sessione primaverile delle Camere federali si è chiusa settimana scorsa. Tre settimane di lavori parlamentari nelle quali in Consiglio nazionale abbiamo trattato circa 390 oggetti e votato 300 volte. Il sistema di milizia svizzero è unico e geniale: a Berna in “sole” dodici settimane l’anno si svolge un’attività parlamentare bicamerale che nelle principali democrazie occidentali tiene impegnati deputati professionisti (!) tutto l’anno.

Nelle giornate di lavoro si sono susseguiti i temi più disparati. In votazione finale abbiamo approvato importanti convenzioni internazionali per la riduzione delle emissioni di CO2 e la protezione del clima a dimostrazione che la politica non è ferma; ricordando che la principale responsabilità è nelle mani di ognuno di noi.
Per il Ticino è poi stata fondamentale l’approvazione della modifica delle Legge federale sull’utilizzazione delle forze idriche che conferma i canoni d’acqua risorsa economica fondamentale per le nostre Valli.

Ho preso la parola su vari temi cercando sempre di esprimermi in lingua italiana e portando soluzioni costruttive, piuttosto che negatività. La sessione è stata come sempre pure l’occasione per depositare proposte, sollevare questioni ed esigere spiegazioni. In particolare: […]