Stimate Concittadine e stimati Concittadini,
coerenza e responsabilità sono principi fondamentali che mi stanno a cuore nell’impegno politico! Dopo il risultato elettorale chiarissimo del 27 maggio, ho condiviso con il Municipio l’opportunità di nominare Paolo Danielli alla carica di vicesindaco (auguri!). Il gesto era dovuto vista la volontà espressa alle urne e l’ho fatto con piacere per condividere responsabilità e impegni.
Cittadine e cittadini di Mendrisio hanno manifestato chiaramente di non apprezzare chi cumula cariche e di volere novità. In democrazia si vince e si perde, ho perso nettamente e tiro le conseguenze.
Avanti motivato come capo-dicastero Aziende Municipalizzate ed Economia, nonché come Consigliere nazionale, impegno per la Svizzera e il Cantone che mi ha eletto!

Ultimi articoli

Non faccio politica per piacere a tutti

Intervista pubblicata su Corriere del Ticino, 06.06.2018

Sono passati dieci giorni dalla bruciante sconfitta nella corsa alla poltrona di sindaco di Mendrisio. Ha smaltito rabbia e delusione?
Niente rabbia, ma sorpresa perché l’esito è stato molto negativo. In politica decidono gli elettori il nostro destino: mi hanno chiaramente detto STOP. Nessun rancore. È difficile interpretare questa inattesa sberla; ho sempre dato il massimo sia in politica sia nelle associazioni dove sono stato chiamato ad operare. Un’elezione è un punto di partenza, non di arrivo. Ci tenevo, riparto ora libero di scegliere dove investire tempo ed energie che avrei dedicato al sindacato. […]

Chi sarà sindaco… Marco Romano tra pubblico e privato

Intervista pubblicata sul portale liberatv.ch, 24.05.2018

Domenica prossima sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio: se Marco Romano o Samuele Cavadini. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera […]

Il Belpaese e il suo impatto sulla mobilità del Mendrisiotto

L’attuale situazione politica in l’Italia è preoccupante. Dopo la Germania, anche il Belpaese conferma come la frammentazione politica e la polarizzazione generino crisi istituzionali. Grandi Stati europei si bloccano e le conseguenze non sono solo interne; la Svizzera sente il colpo. Emerge quindi l’assoluto valore del nostro sistema politico. Forse meno roboante e spettacolare, garantisce tuttavia stabilità, condivisione del potere, equilibrio, sostenibilità finanziaria ed efficacia. Talvolta lento, anche a causa della complessità delle tematiche e delle dinamiche, nel complesso comunque si muove. Altrove tutto si ferma. In campagna si inneggia al “tutto va male” e al “bisogna ripartire (con promesse mirabolanti)”, dimenticandosi che l’essenza del funzionamento dei sistemi democratici sono la moderazione e la ricerca del consenso sui progetti. Si anima la folla, si generano voti, ma poi non c’è la solidità necessaria per governare alla ricerca del consenso. […]