Articoli

/Articoli

Ogni abuso è un’offesa a chi si trova nel bisogno

Intervista pubblicata su Corriere del Ticino, 07.11.2018

Marco Romano, punire l’illegalità ma rispettando lo Stato di diritto, dicono i referendisti. Registrazioni, droni, geolocalizzazione: gli strumenti per sorvegliare le persone sospettate di frodare le assicurazioni sociali non sono effettivamente sproporzionati?
«Quanto dicono i referendisti è falso, fuorviante e scorretto. Si generano paure infondate di fronte a un nuovo testo legislativo che serve proprio a fare chiarezza e a delimitare le attività di osservazione. Leggete il testo di legge: quanto sarà permesso è illustrato chiaramente, le regole sono rigide. Si può osservare, fotografare e filmare – previa autorizzazione di un giudice in extremis anche geolocalizzare una macchina – solo in spazi pubblici o spazi privati liberamente accessibili e visibili dal pubblico. Tutto il resto resterà vietato proprio perché non definito nella legge. Quindi niente droni, niente spionaggio in casa e niente penetrazione in dispositivi elettronici (telefoni e PC). La stretta privacy è rispettata. Bisogna ammetterlo, purtroppo vi sono situazioni incresciose dove cittadini, approfittando della complessità del sistema, riescono a ottenere prestazione di invalidità o infortunio anche quando di fatto non ne avrebbero il diritto. Truffano quindi l’assicurazione obbligatoria e rubano soldi alla comunità. Sono pochi casi, ma sottraggono milioni di franchi ogni anno a chi è realmente nel bisogno. La sorveglianza non è un compito di polizia (hanno ben altro da fare), ma delle assicurazioni medesime. La polizia agisce in ambito penale, le assicurazioni nell’ambito della legislazione specifica. La legge non permette una sorveglianza generalizzata e misure di polizia. Si potranno osservare i casi dubbiosi solo in caso di un sospetto fondato su indizi concreti, solo se tutte le altre misure di verifica si sono già rivelate vane o sproporzionate e dietro autorizzazione di un membro di direzione dell’assicurazione coinvolta. Queste tre condizioni devono essere sempre soddisfatte cumulativamente e ogni caso va valutato singolarmente. Si osserva solo quando vi sono situazioni incongruenti e forti sospetti di abuso che necessitano una prova». […]

Di |novembre 2018|Articoli, News|0 Commenti

454, non 80, mila coppie sposate penalizzate fiscalmente

L’importanza delle informazioni nel sistema democratico svizzero
Il funzionamento e la credibilità della democrazia diretta presuppongono un’informazione completa e precisa. La formazione dell’opinione del singolo cittadino-elettore ha certamente una connotazione soggettiva ed emotiva. L’analisi politologica è, tuttavia, unanime sul ruolo essenziale delle informazioni ufficiali e istituzionali a disposizione dell’opinione pubblica nell’ambito di uno scrutinio popolare.
Il cittadino svizzero che partecipa attivamente al voto ben conosce l’opuscolo informativo ufficiale del Consiglio federale, popolarmente noto come “il libretto rosso”. Di regola, quattro volte l’anno, viene recapitato insieme al materiale di voto per referendum ed alle iniziative popolari. In poche pagine ben strutturate, vengono spiegati gli oggetti in votazione: gli argomenti del Governo, nonché in maniera assolutamente democratica, le tesi a supporto di un determinato tema da parte dei referendisti e/o degli iniziativisti. I contenuti sono verificati dalla Cancelleria federale e si fondano sulle informazioni ufficiali relative al dossier, con uno spazio democraticamente concesso all’opinione “contraria” non istituzionale. La maturità e la solidità del sistema democratico svizzero rendono l’esercizio una prassi ormai del tutto consolidata. Attualmente la Cancelleria federale, seguendo la digitalizzazione della società, presenta un sunto dei contenuti anche in formato video disponibile in rete. […]

Di |novembre 2018|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Sessione autunnale 2018 delle Camere federali: tra cambiamenti imminenti e necessità di guardare lontano!

“Iniziare un nuovo cammino spaventa, ma dopo ogni passo che percorriamo, ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi”.  (R. Benigni)

Stimate Concittadine e stimati Concittadini, care amiche e cari amici,

due Consiglieri federali che dimissionano, riforme fondamentali per il Paese che giungono al voto finale e tanta voglia di guardare oltre la gestione politica quotidiana. Si sono di recente chiuse tre settimane stimolanti di sessione autunnale delle Camere federali, grato in ogni istante a chi mi ha eletto e a chi mi sostiene in questa privilegiata carica.

I cambiamenti…

La partenza, per fine anno, della Consigliera federale Doris Leuthard chiuderà un ciclo della storia politica recente. La signora Leuthard – Doris – è stata la figura forte del Consiglio federale negli ultimi 10 anni. Donna intelligente e decisa, sempre con stile, grande conoscitrice dei dossier e continuamente alla ricerca di soluzioni capaci di trovare consenso negli ambienti politici e in votazione popolare. Un carisma fuori dal comune e un modus operandi essenza dell’azione politica PPD: consistenza e pragmatismo, con modi popolari e democratici. Grazie Doris, la Svizzera ha bisogno di profili umani e politici come il tuo! […]

Di |ottobre 2018|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Un colpo di pedale da Berna!

A cadenza regolare cittadini e commentatori lamentano una crescente complessità dei temi oggetto di votazioni federali. Vi è certamente un fondo di verità, ma la democrazia diretta elvetica è viva e variegata.
Il 23 settembre prossimo malgrado un titolo dell’oggetto molto istituzionale “Decreto federale del 13 marzo 2018 concernente le vie ciclabili, i sentieri e i percorsi pedonali (controprogetto diretto all’iniziativa popolare «Per la promozione delle vie ciclabili e dei sentieri e percorsi pedonali – Iniziativa per la bici»), la domanda sarà di facile comprensione. Vogliamo inserire nella Costituzione un impegno federale a favore della mobilità ciclistica? Come già oggi la Confederazione svolge un ruolo di coordinatore nella promozione di sentieri e percorsi pedonali? La risposta quasi unanime del Parlamento e del Consiglio federale è stata SI. […]

Di |agosto 2018|Articoli, News, Vario|0 Commenti

Newsletter giugno 2018 – sessione estiva delle Camere federali

Gentili signore ed egregi signori, amiche ed amici,
“c’è una forza motrice più forte del vapore, dell’elettricità e dell’energia atomica: la volontà.” (cit. A. Einstein)…l’estate è iniziata, ma l’impegno politico non si ferma.

Settimana scorsa si è chiusa la sessione estiva delle Camere federali. Tredici giorni di lavori parlamentari. Abbiamo, tra le decine di trattande, discusso tre iniziative popolari, rivisto il diritto societario e quello degli acquisti pubblici, nonché prorogato la Legge federale sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia (ulteriori 130 milioni!).

[…]

Di |giugno 2018|Articoli, Da Berna, News, Vario|0 Commenti

Ristorni frontalieri: cosa fare?

Articolo pubblicato su “La Regione”, 19.06.2018

Che fare con i ristorni? Il Governo ha deciso e ha spiegato. Fiducia all’Italia con l’auspicio di trovare un’intesa per progetti transfrontalieri con le vicine Regioni. Obiettivo condiviso, ma avrei azzardato una tattica diversa per generare immediatamente una vera dinamica di dialogo operativo e non solo diplomatico.

Il versamento dei ristorni andava congelato con l’invito alle Autorità italiane a sedersi subito a un tavolo di lavoro che coinvolgesse gli Stati centrali, Berna e Roma, e le autorità regionali di frontiera, il Ticino e la Lombardia. Non è certamente una tattica convenzionale della diplomazia, ma le ripetute […]

Di |giugno 2018|Articoli, News|0 Commenti

Chi sarà sindaco… Marco Romano tra pubblico e privato

Intervista pubblicata sul portale liberatv.ch, 24.05.2018

Domenica prossima sapremo chi sarà il nuovo sindaco di Mendrisio: se Marco Romano o Samuele Cavadini. Abbiamo sottoposto ai due candidati un questionario con domande che spaziano dalla sfera privata a quella pubblica. Iniziamo con Marco Romano…

Età, nato a…
35 anni, nato a Sorengo ma da sempre a Mendrisio.

Professione
Laureato in scienze politiche e sociali, direttore della Fondazione Fidinam.

Stato civile
Sposato con Maura e felicissimo papà della piccola Emma.

In Municipio dal…
Dal 2016, dopo 12 anni di Consiglio comunale.

Il politico ticinese del presente che ammiro di più…
Filippo Lombardi.

Le mie passioni, a parte la politica…
Famiglia, sport, sci, montagna, amicizie, […]

Di |maggio 2018|Articoli, MENDRISIO|0 Commenti

Il Belpaese e il suo impatto sulla mobilità del Mendrisiotto

L’attuale situazione politica in l’Italia è preoccupante. Dopo la Germania, anche il Belpaese conferma come la frammentazione politica e la polarizzazione generino crisi istituzionali. Grandi Stati europei si bloccano e le conseguenze non sono solo interne; la Svizzera sente il colpo. Emerge quindi l’assoluto valore del nostro sistema politico. Forse meno roboante e spettacolare, garantisce tuttavia stabilità, condivisione del potere, equilibrio, sostenibilità finanziaria ed efficacia. Talvolta lento, anche a causa della complessità delle tematiche e delle dinamiche, nel complesso comunque si muove. Altrove tutto si ferma. In campagna si inneggia al “tutto va male” e al “bisogna ripartire (con promesse mirabolanti)”, dimenticandosi che l’essenza del funzionamento dei sistemi democratici sono la moderazione e la ricerca del consenso sui progetti. Si anima la folla, si generano voti, ma poi non c’è la solidità necessaria per governare alla ricerca del consenso. […]

Di |maggio 2018|Articoli, MENDRISIO, News|0 Commenti

#MarcoRomanoSindaco – candidatura ufficiale

Elezione del 27 maggio 2018

 

La Sezione del Partito Popolare Democratico e Generazione Giovani (PPD+GG) di Mendrisio propone la candidatura del consigliere nazionale Marco Romano per la funzione di Sindaco della Città di Mendrisio.

Leggi tutto il comunicato ufficiale

Di |aprile 2018|Articoli, MENDRISIO|0 Commenti

Gestire Mendrisio non è solo politica locale

Mendrisio è una Città rilevante per il Ticino e la Svizzera: siamo zona di frontiera e crocevia di mobilità internazionale, polo universitario (Accademia e SUPSI), attrattore turistico (UNESCO, vitivinicoltura, musei, ecc.), promotore di eventi, e piazza economica con aziende affermate internazionalmente. Dopo lo straordinario decennio aggregativo dobbiamo ora gestire la realtà istituzionale in maniera coerente ed efficiente. Occorre quindi consolidare la posizione e la percezione di Mendrisio quale Città del Ticino a beneficio di chi ci vive e per affrontare le sfide cui siamo confrontati.
Il Municipio deve assolutamente mettersi in rete con Cantone e Confederazione per essere presente dove si decide, conoscendo direttamente le persone e i meccanismi, e curando le relazioni strategiche. Numerose sfide, e i progetti legati ad esse, sono parte di dinamiche sovraccomunali. […]

Di |aprile 2018|Articoli, MENDRISIO, News|0 Commenti